16 marzo 2011

George Eastman e la nascita dell'industria fotografica - Storia della fotografia

George Eastman tiene una delle sue fotocamere

Il mercato della fotografia conobbe, fin dalla seconda metà del XIX secolo, una crescita rapidissima.

In questo mercato in espansione George Eastman, il fondatore della Kodak, diventò nel 1880 uno dei più grandi industriali americani e nei successivi 30 anni riuscì a monopolizzare il mercato americano ed a sbarcare in Europa. La prima invenzione introdotta da Eastman fu il filmpack, ovvero pacchetti di lastre confezionate in modo tale che ogni lastra potesse essere estratta dalla macchina dopo l'uso, rimanendo protetta dalla luce grazie a della carta nera.

Nel 1885 cominciò a produrre rotoli di carta sensibilizzata con gelatina a secco che con appositi adattatori potevano essere utilizzati al posto delle lastre e nel 1888 mise in vendita la prima macchina fotografica Kodak, contenente un rotolo di carta sufficiente per 100 fotografie. Al termine era possibile scegliere fra acquistare il rullo di ricambio o inviare tutta la macchina alla fabbrica che, per poca spesa, provvedeva sia a sviluppare le foto che a caricarla con un nuovo rullo.

Per questa macchina fu coniato il motto "Voi premete il bottone, noi faremo il resto" che rese popolare in America l'uso della pellicola in rotoli.

Nel 1889 la Kodak introdusse la prima pellicola di celluloide trasparente e nel 1892 Samuel Turner chiese il brevetto per una pellicola in rullo che permetteva di caricare la macchina senza ricorrere alla camera oscura. Si trattava della seconda rivoluzione dei supporti sensibili dopo l'invenzione delle lastre a secco e anche se inizialmente passò inosservata le bastarono pochi anni per condizionare il mercato delle fotocamere.

Le lastre di piccolo formato sopravvissero fino alla fine degli anni '30 , quando erano ancora disponibili apparecchi a lastra o con la possibilità di usare sia rulli che lastre. Tuttavia. la scomparsa definitiva delle lastre in vetro, per i formati più grandi, si colloca intorno a gli anni '60.

Ma la fotografia non è fatta solo d'industria e iniziò presto ad avere ambizioni artistiche, ma di questo parleremo nel prossimo articolo!

Chi avesse voglia di contattarmi o di sbirciare le mie foto può farlo sulla mia Pagina Facebook e su Flickr.

Ciao, Sara